Comunicato stampa

Federazione Italiana Minifootball

Oggetto: Italia Senegal World Cup U21 Praga 2018

Praga, 06 Ottobre 2018 – Italia: sei tra le prime 4 al Mondo !!

Contro tutti i pronostici l’Italia batte il Senegal e vola in semifinale. Dopo aver centrato una storica qualificazione ai quarti di finale, gli uomini del C.T. Mario Lovo aggiungono un altro tassello a questa che è ormai una spedizione epica. Una partita tutta testa, cuore e grinta per gli azzurrini che sono rimasti disciplinati tatticamente, riuscendo così a colmare l’ampio divario fisico pagato ai senegalesi giocando come meglio ci riesce: all’italiana. Le parate decisive poi di Sinopoli hanno fatto la differenza nei tempi regolamentari: il numero 1 polistenese ed in forza al Futsal Polistena Calcio a 5 è stato reattivo e presente sulle poche conclusioni degne di nota dei senegalesi.

L’incontro si apre subito con gli azzurri che cedono il pallino del gioco ai senegalesi, posizionandosi dietro la linea della palla e chiudendo tutte le linee di passaggio all’estremo difensore Nestor. Senegal che riesce a giungere ad una conclusione degna di nota, solo dopo 5 minuti con Sinopoli che respinge di piede. Ancora Sinopoli protagonista dopo altri 10 minuti circa, che devìa sul palo una conclusione venuta fuori da una selva di gambe e con qualche deviazione mista. L’Italia prova allora le sue ripartenze ma subisce particolarmente la strapotenza fisica, con gli africani che più volte commettono falli non sanzionati dai direttori di gara. Sul finire del primo tempo un diagonale di Barra colpisce il palo interno e torna in campo.

Secondo tempo che ricalca il primo con gli azzurri che subiscono e Sinopoli che segna straordinario sul suo cartellino presenze, in più pali e traversa difendono la rete azzurra. Anche l’imprecisione poi degli africani aiuta l’Italia ad arrivare al traguardo a rete inviolate: Falilou riesce a mandare oltre la traversa una conclusione da meno di mezzo metro.

Triplice fischio e lotteria dei rigori. Il regolamento prevede una serie da 3 rigori e, in caso di parità, la prosecuzione ad oltranza. Il Senegal inizia la sequenza e manda tra i pali il secondo portiere Ahmadou Badaka che con la sua altezza entra in porta a fil di traversa. Sul 3 a 3 Badaka viene spiazzato da Bortolin e dà in escandescenza spostando la porta: puntuale il cartellino giallo. Nessuno commette errori fino al 5 a 5, quando si presenta sul dischetto Ndiay Mamadou Malal: la conclusione ad incrociare è tesa e forte ma Sinopoli para alla sua destra. Italia in vantaggio. Badaka viene sostituito tra i pali da Nestor e, sul dischetto si presenta Goran Plavisic con il primo matchball tra i piedi. Nestor si stende alla sua destra e para. Dopo lo scampato pericolo è il turno di Ibrahim che realizza. Bruno Pio Scordino con freddezza glaciale riporta in parità il match. Tocca a Papa Amodou: il rumore del palo risuona nel silenzio della Sport Hall Eleven come la campana di un match di pugilato. Badalamenti piazza il pallone sul dischetto, prende la rincorsa e fa partire un destro che Nestor tocca ma che deve raccogliere in fondo al sacco. In campo parte la festa azzurra con le lacrime di tutte e due i team: quelle del Senegal per una bruciante sconfitta e quelle dell’Italia per l’immensa gioia di aver ribaltato più di qualche pronostico.

Domani ore 13.00 la semifinale contro i padroni di casa della Repubblica Ceca.

Senegal Italia Risultato
Diagne Barra Gueye: rete Simone De Cario: rete 1-1
Fail Falilou: rete Alexandar Duric: rete 2-2
Ndiaye Papa Mbaye: rete Matteo Bortolin: rete 3-3
Ayanda Mohamed Rassoul:rete Andreas Alberto Panarotto: rete 4-4
Ndiay Mamadou  Malal: rete Andrea Labate: rete 5-5
Seck Mbacke: parato Goran Plavisic: parato 5-5
Ngom Mohamed Ibrahim: rete Bruno Pio Scordino: rete 6-6
Doumbia Papa Amadou: fuori Cristian Badalamenti: rete 6-7

Ufficio Stampa
Giorgio Francesco Rovere

I calci di rigore e la festa azzurra!